Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2018

La chiamavano ancora "consapevolezza"

Fuori piove e ho lasciato la finestra aperta. I tuoni si mescolano ai battiti col mio cuore, l'odore di pioggia mi coccola un po'. Non ho voglia di parlare. Non con la mia voce. La televisione mi fa da sottofondo, non ho voglia davvero di parlare.
Il profumo del sapone all'olio di mandorle si spande ancora come se fossimo ancora a Cremona, l'ho lasciato dentro ad una vecchia pochette, dentro all'armadio, perennemente mezzo aperto, disordinato come me quando sento che ancora manca qualcosa sotto al mio controllo.
Saranno le mie manie, sarà la mia età, sarà la mia canotta finta sexy, ma con le bretelle annodate, saranno i miei leggins vecchiotti, sarà questo letto a due piazze che occupo sempre per un quarto.

Certe cose non cambiano finché non cambiano...

Aveva detto che per me era necessaria una sfida, e so che dirà che è questo che mi manca, quando leggerà, ma no, no, non è la sfida, è qualcosa di diverso, di più profondo. Quando la quotidianità ti entra dentro, si i…