Passa ai contenuti principali

Amo credere

Ero rimasta tutto il giorno a letto, sfatta dalla situazione e dal silenzio che ci sovrastava. Amo credere che sia stato il giorno più bello della mia vita, il giorno prima, nella pace e in quello stesso silenzio, che così tanto mi abbagliava, come il più cocente e il più sperato di tanti identici raggi di sole.
Aveva uno sguardo diverso da quanto potessi in quel momento ricordare. Gli echi di anni e anni prima mi rimescolavano dentro, rievocati a poco a poco in quel quasi celestiale silenzio, animata dal desiderio non fine a se stesso di sentirmi viva e amata, scoprendomi per una volta quasi viziata da un uomo del quale mai avevo avuto modo di immaginare i reali sentimenti.
Restavo per una volta immobile ma non immobilizzata, prigioniera di un sogno ed in qualche modo libera, di poter dire tutto ciò che speravo, che volevo, che... non lo so.
Era diverso dall'uomo che ricordavo, eravamo diversi dopo anni di separazione, voluta dal destino, dal caso, dalla sua volontà, portato com'era lui in quel momento ad allontanare in qualsiasi modo, lecito o non lecito che fosse, l'oggetto reale del suo desiderio, troppo vicino, troppe volte e fin troppo pericoloso.
Eravamo diversi allora... eravamo così uguali.
La felicità che ci ha pervasi ha dell'ironico, presi come eravamo dalle nostre vite, ciniche e distaccate, così tanto lontane da ciò che abbiamo imparato ad apprezzare, stretti e silenziosi in una stanza col soffitto azzurro che ci racchiudeva, come in un abbraccio ad un passo dal cielo.
Avevo trovato il suo sguardo in mezzo alla gente, così sconvolta dall'acclamazione generale e dal fatto che da tutto questo quasi fosse distaccato, preso com'era nel guardarmi, con uno sguardo che in quel momento pensavo non avrei mai più rivisto.
Era per me.
Era per me che aveva suonato in quel modo.
Era il più bel dono che avessi mai ricevuto.
E così restai immobile in un angolo, ogni volta che mi raggiungeva lo lanciavo fra la ressa, di chi lo ringraziava per ciò che era forse stato l'evento più coinvolgente della propria vita ed io, con le lacrime agli occhi, lo ringraziavo senza parole per un sentimento del quale non conoscevo neanche l'origine esatta.
Chi lo abbracciava, chi lo prendeva in braccio, chi lo baciava, era un turbinio di gente che di me non sapeva nulla e che nulla sapeva dei suoi sguardi, fra una nota e l'altra, mentre io, su un altro pianeta, restavo immobile, pietrificata, da sensazioni nuove e allucinanti.
Amo credere che ci sia successo un miracolo.
Qualunque cosa sia, a te va bene.

A me, idem.
M.

Commenti

Post popolari in questo blog

newlife

La perfezione non esiste e questo rende la mia vita perfetta. Non riesco a scrivere in rima e non mentirò su questo. Ho tanto da dire e questo non è mai cambiato.  L'estate ha portato via tanti malumori e tanti dolorosi addii, il fresco - quel poco che c'è stato - ha riportato la felicità.  Ho scoperto cosa ci fosse di bello nella convivenza e quel poco che ho capito nella vita sta in 40 metri quadri e un balcone enorme.  Adoro le sorprese. E' passato quasi un anno da quando ho deciso di riaprire un capitolo della mia vita che non sembrava sarebbe mai potuto diventare "realtà".  Ho atteso a lungo e l'attesa mi ha ripagata.  Forse è questo che attendevo con ansia. Me lo dico ogni giorno quando apro gli occhi e sento che nel divano letto più scomodo del mondo non sono sola. Non so quante facce serie abbiamo combattuto con la nostra complicità e quante barriere abbiamo divelto. Sono felice... e non è solo una bella fotografia.  La mia vita ha preso un cammino in…

Sproloquio brillante di un normale sabato sera nordico da terroni ufficialmente fidanzati

In questo periodo un po' assonnato, ascoltando canzoni inizio anni '00 che mi fanno sentire giovane quando non lo sono, cerco di levarmi dalla testa me stessa, qualche tempo fa, con un abito da sposa addosso, col velo davanti, pronta ad andare all'altare ancor prima delle necessarie modifiche, ma necessarie neanche tanto.
Avvolta di bianco, coi capelli lasciati al naturale, continuavo a specchiarmi e riconoscermi, senza granché senso, perché tutti dicono che non ci si riconosca affatto.
Non so cosa mi sia passato per la testa, con quel silenzio assordante, con le lacrime di mia madre alla fine, ma va bene così. Ero, forse per la prima volta nella vita, tranquilla.
Avevo un termine, un obiettivo, una meta. Ero felice. Di quella felicità che non sai mai cos'è finché non la vivi, ecco, proprio così. Con la casa strampalata che è sempre quella, con il lavoro che mi fa arrivare a fine mese, con un violoncello e un pianoforte in una casa di 40 metri quadri con un divano lett…

Acquarelli

Sul foglio di carta ruvido
inzuppato d'acqua
il colore si disperdeva irregolare.
Il colore dei tuoi occhi e il ricordo
di quell'acqua trasparente
nella quale ci specchiavamo.
Si era fermato appena, sulla collina
di quel foglio umido, accumulandosi
come un'onda prima di infrangersi
sugli scogli.
Questo ricordo ogni giorno vivo
questo colore così tenue e così intenso
nella commistione dell'immagine
e del suono, della quotidianità
e del mistero, della conoscenza
e dell'infinito sconosciuto.
Come il mare che non so fermare
come l'onda che non so capire
come il colore che dentro di me rimane.