domenica 3 luglio 2016

Folgorata

A volte ci ripenso, al primo periodo del mio trasferimento, alle persone che mi sono state accanto, a quelle che ho conosciuto.
Al perché chiesi informazioni su un corso e raccontai tutta la mia vita in una frase, ma quella stupenda persona che subì cotanto trattamento non se n'è più andata... e mi sono sempre domandata il perché. Quei pochi punti di riferimento che ho qui, quelli veri, quelli che sanno perché "chimiconoscelosa".
Il fatto è che stando agli annali il 3/7/2012 probabilmente non credevo mi sarei laureata neanche nel 2013.
È la vita che ti sconvolge... non siamo noi.
Perché sono un chimico romantico anche nella vita.
"Non ha FenFo!" [cit.]
Io sono così, decido una cosa, ritorno indietro mille volte, resto fedele alle mie decisioni fino alla fine e poi ci ricasco.
A meno che... qualcuno penserà, ed è giusto: a meno che non venga sconvolta nuovamente.
Sono una bandiera al vento, qualcuno mi ha detto.
Apprezzerei con immane gioia che fosse così semplice, ma sappiamo entrambi che non lo è.
Ho qualità autocritiche pari a zero, ma per autocommiserazione sto sempre a 10.000, e vorrei che qualcuno mi fermasse una sacrosanta volta.
Quando dicono che sono forte, semplicemente non ascolto.
Sono un casino, chi lo capisce prima, semplicemente, si salva; chi lo capisce dopo, semplicemente scappa.
Io sono complicata, antipatica e drammaticamente ossessiva.
Amo le mie curve e non ho intenzione di mettermi a dieta anche se non vengo considerata bella dai comuni mortali.
Resterò a nascondermi altri cinque minuti nella folla di gente anche e nonostante i tacchi alti.
Resterò ad aspettare che passi la tempesta... che qualcuno si accorga di me nella massa.
Non potrei mai stare con una persona "comune".

Amo follemente. Vivo follemente.
Qualcuno deve reggere tutto questo, e deve essere folle almeno quanto me, forse di più.
Voglio amare follemente. Voglio vivere follemente.

La chimica ti insegna, tuo malgrado, che la via di mezzo esiste... ma una via di mezzo è qualcosa che è andato storto.
Ho sempre preferito gli estremi.
Le sfumature sono solo per il trucco e per i vestiti.
Il fatto è che ieri un fulmine è caduto a 10 metri da me e l'ombrello mi si era rotto per il vento ed avevo le chiavi di casa in mano perché stavo per aprire il portone interno.
Un paio di prospettive ti cambiano, no?
Forse mi sono solo resa conto per l'ennesima volta che vivere così non ha senso davvero.
Ho riso come una matta quando ho riflettuto su quanto sarebbe stato simpatico assistere alle scenette di cordoglio per me.

Io dico tutto di me, ma in sostanza non dico nulla.

Chi mi conosce invece, sa...
Quindi, musica.
M.

2 commenti:

  1. E' vero, non ha FenFo cercare le vie di mezzo. Lo dice il primo principio della termodinamica, così TRIVIALE e perentorio, lo dice il concetto empirico di reazioni reversibili che cadono addosso come una "cutuliscia"...
    Ma ha senso la speranza e la voglia di vivere.
    E non lo devi scordare mai :*

    RispondiElimina