venerdì 22 gennaio 2016

Il ritmo ritrovato

Freddo il mare respirava:
l'immenso ci avvolgeva.
Restava lo sguardo possente,
il ritmo del tuo cuore
scandiva il fragore delle onde.
Lo sguardo per nulla fugace,
la mano non più impaurita,
di fronte a me,
avvolto nella notte
mi accoglievi in quell'abbraccio
mai come allora inaudito.

Il ritmo di due cuori ritrovati,
il gelo di una notte non più
come mille altre,
una strada confusa adesso
più chiara che mai.