Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2015

Il potere di non opporsi

Se solo avessi avuto la forza di non oppormi  a questa conclusione già scritta, no, non saremmo giunti fin qui.
Continuo a ripetere la lista delle parole già pronunciate, vidimare è molto più semplice  che ammettere lo sbaglio. È qui con me, la sento, la paura che sia l'ultima prova concessa per pietà, la tua ennesima ricompensa da me  non meritata.
Se solo avessi avuto la forza di non oppormi alla tua fuga...
non saresti mai andato via.

5 aprile 2012

Sentivo la pioggia battere piano sul tetto della veranda, i passi trascinati sopra la mia testa, una finestra chiusa male. Il dormiveglia di una notte come le altre: Pensieri un po’ sparsi un po’ uniti. Un filo di lana che pende da un balcone, gli aghi da maglia caduti per terra. Il telaio è solo in mezzo alla stanza: raggi di luce, ora è giorno. È tutto vuoto. Non ti posso incontrare. Sento la tua voce ma non ci sei. Stavo per ore a guardarti: la tua minuzia e il tuo impegno mi colpivano. Continuo a sentire la tua voce.


"It takes a fool to remain sane..."

Prima di incontrarti sono sempre stata convinta che un certo tipo di insanità mentale mi fosse concessa. Nella mia famiglia, prima o poi accadeva... Mi era già capitato e credevo che da allora ne sarei stata definitivamente esente.
Prima di incontrarti volevo ricominciare da capo, quando ti ho incontrato ogni dubbio era morto e sepolto. Mi sono sempre vista come uno squilibrio ambulante, quella calma altalenante che mi faceva compagnia da anni era la mia ancora di salvezza; in un modo strano, ma lo era. Lo studio era una via di fuga da quella follia latente ed era ciò in cui riuscivo meglio. Le relazioni umane erano un disastro. Mi ignoravano, gli altri... quando andava bene. Chi mi sopportava era invece condannato ad una sopportazione della sottoscritta a tempo pieno.
Non ho mai avuto un grado di autostima abbastanza elevato da ritenermi autonoma, anche e soprattutto per la mia educazione e per il mio carattere. Il bisogno di appoggiarmi a qualcuno e la conseguente gelosia - derivant…