Passa ai contenuti principali

D-o-n-n-a

DISCLAIMER: questo non è un post femminista. 
È solo un elogio alla mia categoria di appartenenza.
***

Scandiamo bene le lettere, diamo il giusto peso alla doppia "n" ed essendo siciliane esageriamo con una "d" doppia anch'essa. C'è una sottile differenza fra l'essere una vera "fimmina sicula" ed essere Donne. Non a caso la società sicula è ben lontana dall'essere un patriarcato. Politica a parte.
Il comando vero è sempre stato in cucina. La famigerata battuta: "tu, donna, in cucina", per me, è solo un elogio al comando matriarcale. Se proprio volessi essere offensiva nei confronti del genere maschile... Non sono il tipo. Evitiamo lotte intestine e insonnie varie (parlo per me).
Voglio solo parlare di Donne.
No, non parlo delle donnine in metro in shorts e con pochi pensieri in testa.
No, neanche delle sinistroidi della porta accanto con le scarpe da 400 euro e che puzzano come barboni.
Parlo di Donne, di mogli, di madri di famiglia, studentesse, e fiere single in carriera.
Donne che hanno cresciuto fratelli minori o accudito genitori malati.
Donne che hanno fatto da tramite in dialoghi inesistenti, Donne che passano dall'essere in carriera alla mattina all'essere sguattere alla sera, Donne che non si vergognano del vestiario da 1 € ma lo indossano come se valesse 1 milione.
Donne che aspettano la chiamata della vita, Donne che aspettano un figlio, Donne che crescono un marito, Donne che un figlio non possono averlo.
Ho visto le due facce della medaglia: donne del Sud e del Nord, stili e vite totalmente differenti.
Ma una donna, una Donna che vale, è Donna dovunque nel mondo.
E sì, signori, stasera sono in vena di banalità, ma solo perché il più delle volte mi ritrovo a vedere sviliti dignità e sogni, cadendo inevitabilmente nel mio solito stato depressivo acuto non diagnosticato.
Come quando la frase d'ordinanza è: "ma perché ti vuoi sposare?"o "che sei pazza a desiderare dei figli?" - inutili i commenti su certe perle di saggezza.
Ecco cosa credo: non cresciamo mai abbastanza per essere Donne.
Ne ho viste di ogni... ho desiderato essere chiunque, ma alla fine qui con me ci sto bene.
Tutto quello che mi blocca dall'essere davvero Donna è solo un classico "perché?" da scienziata incallita, che non mi piace in laboratorio (sono schematica, non interrompetemi, per Giove!) ma che applico fino allo spasimo nella vita.

Fine. Dovrei scrivere altro ma la donna M. è molto stanca.
E poi dicono che (non) sono bipolare...

M.


Commenti

  1. Non mi sembri cosi bloccata.. e i perché ci stanno sempre bene, quelli che ci poniamo noi intanto, ancor prima di quelli lanciati al prossimo. ;)

    RispondiElimina
  2. Beh, mi fa piacere sapere di non esserlo! Non so, in realtà, neanche quanto siano razionali tutti questi miei sproloqui filosofici.... fortunatamente mi sveglio ogni mattina con un "perché" diverso sul comodino. Converrai anche tu che è un po' un carattere tormentato il mio, a maggior ragione essendo donna. Che casino epocale! :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il mio addio

Anche se questa fosse l’ultima volta che scrivessi di te, di te i miei pensieri sarebbero pieni.
A te che riemergi dalla memoria nei miei più atroci incubi, così felice, così come mai ti ho reso. Mentre l’alba accompagna i miei sfuggenti sonni Turbati, mentre tu accanto a lei riemergi Dalle tenebre coccolato e soddisfatto ogni tuo più dolce Desiderio, mentre queste mie lacrime salate Solcano il mio volto, bruciano come il rimorso Di averti perso, scavano come il rimpianto Che sempre ci accompagnerà, la cattiveria falsa come falso è il mio sarcasmo. Resteranno queste le mie ultime parole Come il tuo ultimo abbraccio Come il nostro ultimo bacio Così lontano e così vicino, come la distanza che ci ha sempre uniti. Resteranno le urla e le lacrime che ieri Mi hanno ancora mostrato la profondità del mio amore E della mia passata ipocrisia. E di come abbia gettato al vento la mia vita E di come abbia gettato al vento i miei sentimenti Per una forza che non ho mai dimostrato di aver…

Di porte aperte non si può morire

***
Catania.
Novembre 2011.

"Ciao, questo è l'ultimo messaggio che ti scrivo. 
Non mi sento di considerare chiusa un'amicizia senza sapere il perché. In effetti, non ci sono stati litigi, né altro. Vorrei solo sapere cosa sia successo e "perché" me lo sia meritato. 
Se ci tieni un minimo a me, penso di meritarmi due parole, siano pure per mandarmi a quel paese. Vorrei solo saperlo. Potrei ripetere mille volte queste frasi, ma che senso avrebbe? 
D'altra parte che ti considerassi un fratello, a te non è interessato. 
Se ti volessi bene o no, se ci tenessi a te o meno... tu lo sai. Pensaci"

***
Milano.
Febbraio 2018.

Scrivo veloce perché il tablet verde acqua potrebbe abbandonarmi da un momento all'altro.
Ho letto l'ultimo post di DoppioGeffer ("Quel filo nero che ci unisce") tutto d'un fiato, alla quarta o quinta riga ero già in lacrime perché avevo capito dove andasse a parare, e non ho potuto che pensare... quanto tempo perdiamo nella …

Amo credere

Ero rimasta tutto il giorno a letto, sfatta dalla situazione e dal silenzio che ci sovrastava. Amo credere che sia stato il giorno più bello della mia vita, il giorno prima, nella pace e in quello stesso silenzio, che così tanto mi abbagliava, come il più cocente e il più sperato di tanti identici raggi di sole.
Aveva uno sguardo diverso da quanto potessi in quel momento ricordare. Gli echi di anni e anni prima mi rimescolavano dentro, rievocati a poco a poco in quel quasi celestiale silenzio, animata dal desiderio non fine a se stesso di sentirmi viva e amata, scoprendomi per una volta quasi viziata da un uomo del quale mai avevo avuto modo di immaginare i reali sentimenti.
Restavo per una volta immobile ma non immobilizzata, prigioniera di un sogno ed in qualche modo libera, di poter dire tutto ciò che speravo, che volevo, che... non lo so.
Era diverso dall'uomo che ricordavo, eravamo diversi dopo anni di separazione, voluta dal destino, dal caso, dalla sua volontà, portato com&…