Passa ai contenuti principali

Il principio di esclusione di Pauli

Non sono mai stata, non sono e non sarò mai femminista. Molti fatti nella mia indecente vita mi hanno posto di fronte alla certezza che qualcosa in me sia profondamente sbagliato. Sono sempre stata accomodante e nel mio stesso atteggiamento poi nasce subito una lotta, perché la libertà, interpretata in modo pessimo, si insinua come un serpente velenoso nelle persone che mi stanno attorno. Il rimorso mi brucia, la consapevolezza che quei limiti che così tanto mi pongo per me stessa, dovrei pretenderli anche dall'Altro: litigi, urla, attacchi di panico, tutto si insegue nella stessa sequenza ogni volta. E sono convinta di aver incontrato "persone giuste" ad ogni angolo. Bravi ragazzi, tutto il necessario per rendere la situazione abbastanza reale e anche con i dovuti accorgimenti nei confronti del futuro. Visto però che posso dire che la storia si ripete, tante, troppe volte, mi ritrovo a pensare se non sia poi in fondo io il problema principale. Lascerò da parte i discorsi sul romanticismo, sui miei interessi, le poesie, il canto e tutto il resto. Al mondo maschile non è mai interessato di me per questo. Non mi sono mai ritenuta brutta né Miss Universo, e so di avere innumerevoli problemi di autostima. Sono però giunta alla conclusione che pur essendo decente e pur potendomi specchiare la mattina senza svenimenti alla visione del mio riflesso, non sono adatta a stare in coppia. Sono qua a 25 anni con 1 milione di progetti che neanche Enzo Miccio, ma (s)fortunatamente un giorno sì e il successivo anche sto di nuovo a rimetterlo in discussione dalle fondamenta in su.
Ho sempre pensato che la Chimica fosse per gran parte filosofia, anche nella sua estrema razionalità. Dice il principio di esclusione di Pauli: "due fermioni non possono occupare lo stesso stato quantico simultaneamente", ovvero, traducendo il tutto in modo comprensibile, due elettroni con lo stesso numero quantico di spin non possono occupare lo stesso orbitale. Ancora complicato? Due testardi egualmente testardi non possono camminare mano nella mano verso l'infinito e oltre, devono perseguire necessariamente obiettivi opposti. E questa non sarebbe filosofia? Questa è psicologia, di quella spicciola e sempre veritiera.
Così le mie riflessioni si sono fatte pesanti, e pensieri che solitamente prendo alla leggera come un bicchiere d'acqua si sono rivelati 250 ml di mercurio. Non vi auguro di prendere in mano una boccetta di mercurio alla leggera. La sorpresa è servita.
Il fatto è che le relazioni a distanza non sono romantiche, sono la rovina, e per quanto l'amore ci sia, forte, possente, un macigno insomma, tutto sembra crollare alla prima difficoltà. Ogni volta diversamente, ogni volta pesantemente, e così due testardi, cocciuti, non possono semplicemente pensare di percorrere la stessa strada, neanche col pensiero. 
Quanto sarebbe semplice comportarsi come gli altri... una frase che mi ha sempre colpita del mio film preferito recita: "se sei fedele, sei sempre solo". Quant'è vero!

M.

Commenti

Post popolari in questo blog

newlife

La perfezione non esiste e questo rende la mia vita perfetta. Non riesco a scrivere in rima e non mentirò su questo. Ho tanto da dire e questo non è mai cambiato.  L'estate ha portato via tanti malumori e tanti dolorosi addii, il fresco - quel poco che c'è stato - ha riportato la felicità.  Ho scoperto cosa ci fosse di bello nella convivenza e quel poco che ho capito nella vita sta in 40 metri quadri e un balcone enorme.  Adoro le sorprese. E' passato quasi un anno da quando ho deciso di riaprire un capitolo della mia vita che non sembrava sarebbe mai potuto diventare "realtà".  Ho atteso a lungo e l'attesa mi ha ripagata.  Forse è questo che attendevo con ansia. Me lo dico ogni giorno quando apro gli occhi e sento che nel divano letto più scomodo del mondo non sono sola. Non so quante facce serie abbiamo combattuto con la nostra complicità e quante barriere abbiamo divelto. Sono felice... e non è solo una bella fotografia.  La mia vita ha preso un cammino in…

Sproloquio brillante di un normale sabato sera nordico da terroni ufficialmente fidanzati

In questo periodo un po' assonnato, ascoltando canzoni inizio anni '00 che mi fanno sentire giovane quando non lo sono, cerco di levarmi dalla testa me stessa, qualche tempo fa, con un abito da sposa addosso, col velo davanti, pronta ad andare all'altare ancor prima delle necessarie modifiche, ma necessarie neanche tanto.
Avvolta di bianco, coi capelli lasciati al naturale, continuavo a specchiarmi e riconoscermi, senza granché senso, perché tutti dicono che non ci si riconosca affatto.
Non so cosa mi sia passato per la testa, con quel silenzio assordante, con le lacrime di mia madre alla fine, ma va bene così. Ero, forse per la prima volta nella vita, tranquilla.
Avevo un termine, un obiettivo, una meta. Ero felice. Di quella felicità che non sai mai cos'è finché non la vivi, ecco, proprio così. Con la casa strampalata che è sempre quella, con il lavoro che mi fa arrivare a fine mese, con un violoncello e un pianoforte in una casa di 40 metri quadri con un divano lett…

Acquarelli

Sul foglio di carta ruvido
inzuppato d'acqua
il colore si disperdeva irregolare.
Il colore dei tuoi occhi e il ricordo
di quell'acqua trasparente
nella quale ci specchiavamo.
Si era fermato appena, sulla collina
di quel foglio umido, accumulandosi
come un'onda prima di infrangersi
sugli scogli.
Questo ricordo ogni giorno vivo
questo colore così tenue e così intenso
nella commistione dell'immagine
e del suono, della quotidianità
e del mistero, della conoscenza
e dell'infinito sconosciuto.
Come il mare che non so fermare
come l'onda che non so capire
come il colore che dentro di me rimane.