Passa ai contenuti principali

Un cuore e una capanna

Una goccia, due gocce... mille e mille volte mi sono soffermata a guardare le gocce appiccicate al vetro, per mille e mille ragioni chimiche che ora non ho voglia di spiegare. E' stato un periodo piovoso, sfortunatamente non solo fuori dalla mia finestra.

L'anello troppo largo, il mio cuore che qua dentro ci sta stretto.

Perché mi capita di scrivere in questo modo? Non lo so - e, ancora più grave - non mi interessa.
Mi piace interrompere il discorso coi miei pensieri non parafrasati, come fosse uno squarcio nel mio cervello. Mi piace, mi piace davvero tanto. 
A volte è un po' come una droga, scrivere, altre è davvero difficile. Che tu, proprio tu, non abbia come primo istinto per comprendermi, la smania di venire a spulciare un po' in questo mio piccolo angolo mi ferisce. Parlavi sempre di quanto fossi complicata, e questo, te lo assicuro, è l'unico posto in cui perdo il mio tempo ad analizzarmi.
Mi trucco sempre alla stessa maniera, mangio quel tanto che mi serve, mi lavo, mi vesto, esco di casa. Ogni mattina la stessa storia. So io cosa mi mancherebbe... te, accanto.
E scriverlo qui, per me, così, ora, col sole che schiaffeggia me e la mia cupa attitudine, è decisamente strano. Anzi, è STRANO. Rendo l'idea? Forse non abbastanza. 
Mi sono fermata a prendere un caffè fuori con una collega, mi andava. 
Mi ritrovo molte volte troppo sola perfino per riuscire a studiare, così, andando più a fondo mi sono finalmente resa conto di quanto tutto questo oggi mi appaia inutile. Ti voglio qui. Ti voglio con me.
Non è più neanche una questione di rabbia. E' una certezza. 

Sarò mai abbastanza importante da giustificare qualcosa di più di un semplice 'mi manchi'? 
M. 

Commenti

  1. Perdonami l'intromissione in questo post.
    Mi ha colpito il titolo, ho cominciato a leggerlo e mi è venuta voglia di risponderti, ora la mia osservazione, forse, sarà un po' ovvia (e di questo mi scuso) suppongo che tu e il tuo lui viviate una storia a distanza, in questo caso non hai pensato di dedicargli le tue parole con una lettera?
    Hai già raccolto molti dei tuoi pensieri in questo blog, sarebbe facile ordinarli e scriverli in una lettera. Così il messaggio arriva dritto dritto nelle mani del destinatario, senza sperare che sia lui che se lo venga a cercare!


    Mi sento un po' CapitanOvvio della situazione ^__^ Ciao!!


    Fosca

    RispondiElimina
  2. Beh, un po' ovvia è, ma non c'è problema. Sono concetti su cui già ci siamo confrontati molto, anche senza lettere, quindi sì, sarebbe utile, ma è un problema già superato. Non ti capita mai di voler comunicare nei momenti brutti? Sfogar tutto e via? Ecco, certe volte mi capita così. Il mio blog lo uso un po' troppo senza filtri (lo penso sempre) ma... avendomi scritto credo che ti piaccia leggere i miei stralci di vita. Grazie del consiglio, comunque!

    RispondiElimina
  3. Io vedo il blog come la possibilità di scrivere un diario interattivo, che non sta lì passivo a prendersi i fiumi di parole e a lasciarli cadere nel dimenticatoio,è un elemento "vivo" che a volte ti risponde anzi fa sì che chiunque ti possa rispondere!
    E' tuo e lo usi come meglio credi, io sono solo di passaggio :)

    Ti ho letta e ti ho commentata perchè un po'mi sono rivista nella scena che racconti, mi sono fatta quella stessa domanda tante volte e mi sono ritrovata tante volte, come dici tu, a confrontarmi, a superarlo ...
    e a domandarmi nuovamente se fossi importante abbastanza per...
    A volte parlare non basta, tu parli ma dall'altra parte non sai se ti ascoltano, se danno il giusto peso alle tue parole o semplicemente non sei chiara come vorresti. Per me il messaggio scritto arriva meglio a destinazione, tutto qui.

    Sì, nei momenti brutti tutto mi va bene per sfogarmi: blog, diario, pezzi di carta (che puntualmente perdo) e se in quei periodi, per sua disgrazia, incontro qualche collega, gli faccio diventare la testa grossa come un pallone :D eheh

    Buona scrittura e buon tutto
    :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il peso delle parole non dette

Riesco a immaginare la tua immagine rabbiosa, i tuoi capelli scompigliati, le mani spaccate dai pugni scagliati sull'armadio, lo stipite della porta che non è mai stato riparato, i miei ultimi enormi regali sparsi per la stanza, il silenzio dentro alle tue cuffie, la tua testa che scoppia al mio pensiero.
Riesco a immaginarti in tutto quello che mi hai detto e in tutto quello che non mi hai detto mai, che hai detto a tutti fuorché alla persona alla quale avrebbe avuto senso comunicarlo, la triste lista di particolari di tradimenti mai avvenuti e mai consumati coi quali molto lontano da qui sanno tutti come additarmi come meretrice. Vorrei non fartene una colpa, del fatto che dici a tutti di volermi denunciare, che tutti sappiano dettagli della mia vita privata senza che ti abbia autorizzato a parlarne, delle mie confidenze, di tutto.
Vorrei lavare con l'acqua di un'ennesima doccia il dolore che provo per ciò che vorrei non sapere che tu stai dicendo in giro di me, ma che s…

Avanti il prossimo

A un certo punto ti stanchi di rimandare i tuoi sogni a settembre, alla prossima stagione, alla prossima volta, alla prossima occasione che non ci sarà mai. È inutile mentire a se stessi di fronte all'evidenza, ascoltare l'inesorabile passare del tempo tintinnare crudele che comunque è tardi. Ti lasci andare, cambi strada, ricadendo negli stessi errori perché il tuo carattere è più forte dell'esperienza e tu sei più fragile di quelli di cui ti circondi e ai quali hai dato fin troppo poco spazio per cercare di comprenderlo. È la tua fine, parli del niente e tutti sembrano sapere tutto. Resti là, impietrita, un'altra volta. Rivestita dei tuoi racconti futili, dei tuoi sogni di bambina. Ti sembra di rivedere come in un film tutte le tue delusioni, tutti i tuoi errori, il tuo cuore prostituirsi per un briciolo di affetto, perché sei fottutamente complicata e sarebbe terribilmente semplice risolvere i tuoi problemi. Non hai le forze, la voglia, di spiegare. Lasci tutti atta…

Amo credere

Ero rimasta tutto il giorno a letto, sfatta dalla situazione e dal silenzio che ci sovrastava. Amo credere che sia stato il giorno più bello della mia vita, il giorno prima, nella pace e in quello stesso silenzio, che così tanto mi abbagliava, come il più cocente e il più sperato di tanti identici raggi di sole.
Aveva uno sguardo diverso da quanto potessi in quel momento ricordare. Gli echi di anni e anni prima mi rimescolavano dentro, rievocati a poco a poco in quel quasi celestiale silenzio, animata dal desiderio non fine a se stesso di sentirmi viva e amata, scoprendomi per una volta quasi viziata da un uomo del quale mai avevo avuto modo di immaginare i reali sentimenti.
Restavo per una volta immobile ma non immobilizzata, prigioniera di un sogno ed in qualche modo libera, di poter dire tutto ciò che speravo, che volevo, che... non lo so.
Era diverso dall'uomo che ricordavo, eravamo diversi dopo anni di separazione, voluta dal destino, dal caso, dalla sua volontà, portato com&…