Passa ai contenuti principali

Un cuore e una capanna

Una goccia, due gocce... mille e mille volte mi sono soffermata a guardare le gocce appiccicate al vetro, per mille e mille ragioni chimiche che ora non ho voglia di spiegare. E' stato un periodo piovoso, sfortunatamente non solo fuori dalla mia finestra.

L'anello troppo largo, il mio cuore che qua dentro ci sta stretto.

Perché mi capita di scrivere in questo modo? Non lo so - e, ancora più grave - non mi interessa.
Mi piace interrompere il discorso coi miei pensieri non parafrasati, come fosse uno squarcio nel mio cervello. Mi piace, mi piace davvero tanto. 
A volte è un po' come una droga, scrivere, altre è davvero difficile. Che tu, proprio tu, non abbia come primo istinto per comprendermi, la smania di venire a spulciare un po' in questo mio piccolo angolo mi ferisce. Parlavi sempre di quanto fossi complicata, e questo, te lo assicuro, è l'unico posto in cui perdo il mio tempo ad analizzarmi.
Mi trucco sempre alla stessa maniera, mangio quel tanto che mi serve, mi lavo, mi vesto, esco di casa. Ogni mattina la stessa storia. So io cosa mi mancherebbe... te, accanto.
E scriverlo qui, per me, così, ora, col sole che schiaffeggia me e la mia cupa attitudine, è decisamente strano. Anzi, è STRANO. Rendo l'idea? Forse non abbastanza. 
Mi sono fermata a prendere un caffè fuori con una collega, mi andava. 
Mi ritrovo molte volte troppo sola perfino per riuscire a studiare, così, andando più a fondo mi sono finalmente resa conto di quanto tutto questo oggi mi appaia inutile. Ti voglio qui. Ti voglio con me.
Non è più neanche una questione di rabbia. E' una certezza. 

Sarò mai abbastanza importante da giustificare qualcosa di più di un semplice 'mi manchi'? 
M. 

Commenti

  1. Perdonami l'intromissione in questo post.
    Mi ha colpito il titolo, ho cominciato a leggerlo e mi è venuta voglia di risponderti, ora la mia osservazione, forse, sarà un po' ovvia (e di questo mi scuso) suppongo che tu e il tuo lui viviate una storia a distanza, in questo caso non hai pensato di dedicargli le tue parole con una lettera?
    Hai già raccolto molti dei tuoi pensieri in questo blog, sarebbe facile ordinarli e scriverli in una lettera. Così il messaggio arriva dritto dritto nelle mani del destinatario, senza sperare che sia lui che se lo venga a cercare!


    Mi sento un po' CapitanOvvio della situazione ^__^ Ciao!!


    Fosca

    RispondiElimina
  2. Beh, un po' ovvia è, ma non c'è problema. Sono concetti su cui già ci siamo confrontati molto, anche senza lettere, quindi sì, sarebbe utile, ma è un problema già superato. Non ti capita mai di voler comunicare nei momenti brutti? Sfogar tutto e via? Ecco, certe volte mi capita così. Il mio blog lo uso un po' troppo senza filtri (lo penso sempre) ma... avendomi scritto credo che ti piaccia leggere i miei stralci di vita. Grazie del consiglio, comunque!

    RispondiElimina
  3. Io vedo il blog come la possibilità di scrivere un diario interattivo, che non sta lì passivo a prendersi i fiumi di parole e a lasciarli cadere nel dimenticatoio,è un elemento "vivo" che a volte ti risponde anzi fa sì che chiunque ti possa rispondere!
    E' tuo e lo usi come meglio credi, io sono solo di passaggio :)

    Ti ho letta e ti ho commentata perchè un po'mi sono rivista nella scena che racconti, mi sono fatta quella stessa domanda tante volte e mi sono ritrovata tante volte, come dici tu, a confrontarmi, a superarlo ...
    e a domandarmi nuovamente se fossi importante abbastanza per...
    A volte parlare non basta, tu parli ma dall'altra parte non sai se ti ascoltano, se danno il giusto peso alle tue parole o semplicemente non sei chiara come vorresti. Per me il messaggio scritto arriva meglio a destinazione, tutto qui.

    Sì, nei momenti brutti tutto mi va bene per sfogarmi: blog, diario, pezzi di carta (che puntualmente perdo) e se in quei periodi, per sua disgrazia, incontro qualche collega, gli faccio diventare la testa grossa come un pallone :D eheh

    Buona scrittura e buon tutto
    :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il mio addio

Anche se questa fosse l’ultima volta che scrivessi di te, di te i miei pensieri sarebbero pieni.
A te che riemergi dalla memoria nei miei più atroci incubi, così felice, così come mai ti ho reso. Mentre l’alba accompagna i miei sfuggenti sonni Turbati, mentre tu accanto a lei riemergi Dalle tenebre coccolato e soddisfatto ogni tuo più dolce Desiderio, mentre queste mie lacrime salate Solcano il mio volto, bruciano come il rimorso Di averti perso, scavano come il rimpianto Che sempre ci accompagnerà, la cattiveria falsa come falso è il mio sarcasmo. Resteranno queste le mie ultime parole Come il tuo ultimo abbraccio Come il nostro ultimo bacio Così lontano e così vicino, come la distanza che ci ha sempre uniti. Resteranno le urla e le lacrime che ieri Mi hanno ancora mostrato la profondità del mio amore E della mia passata ipocrisia. E di come abbia gettato al vento la mia vita E di come abbia gettato al vento i miei sentimenti Per una forza che non ho mai dimostrato di aver…

Di porte aperte non si può morire

***
Catania.
Novembre 2011.

"Ciao, questo è l'ultimo messaggio che ti scrivo. 
Non mi sento di considerare chiusa un'amicizia senza sapere il perché. In effetti, non ci sono stati litigi, né altro. Vorrei solo sapere cosa sia successo e "perché" me lo sia meritato. 
Se ci tieni un minimo a me, penso di meritarmi due parole, siano pure per mandarmi a quel paese. Vorrei solo saperlo. Potrei ripetere mille volte queste frasi, ma che senso avrebbe? 
D'altra parte che ti considerassi un fratello, a te non è interessato. 
Se ti volessi bene o no, se ci tenessi a te o meno... tu lo sai. Pensaci"

***
Milano.
Febbraio 2018.

Scrivo veloce perché il tablet verde acqua potrebbe abbandonarmi da un momento all'altro.
Ho letto l'ultimo post di DoppioGeffer ("Quel filo nero che ci unisce") tutto d'un fiato, alla quarta o quinta riga ero già in lacrime perché avevo capito dove andasse a parare, e non ho potuto che pensare... quanto tempo perdiamo nella …

Amo credere

Ero rimasta tutto il giorno a letto, sfatta dalla situazione e dal silenzio che ci sovrastava. Amo credere che sia stato il giorno più bello della mia vita, il giorno prima, nella pace e in quello stesso silenzio, che così tanto mi abbagliava, come il più cocente e il più sperato di tanti identici raggi di sole.
Aveva uno sguardo diverso da quanto potessi in quel momento ricordare. Gli echi di anni e anni prima mi rimescolavano dentro, rievocati a poco a poco in quel quasi celestiale silenzio, animata dal desiderio non fine a se stesso di sentirmi viva e amata, scoprendomi per una volta quasi viziata da un uomo del quale mai avevo avuto modo di immaginare i reali sentimenti.
Restavo per una volta immobile ma non immobilizzata, prigioniera di un sogno ed in qualche modo libera, di poter dire tutto ciò che speravo, che volevo, che... non lo so.
Era diverso dall'uomo che ricordavo, eravamo diversi dopo anni di separazione, voluta dal destino, dal caso, dalla sua volontà, portato com&…