Passa ai contenuti principali

Tutte le mie ragioni

Ci ho messo un po' ad elaborare il tutto. Perché quando passi così tanto tempo con una persona, il voler bene diventa fondamentale e l'essere tradita nella fiducia che hai riposto così ciecamente rinnega ogni possibilità di ritorno sui tuoi passi. Dovrei parlare alla prima persona singolare, ma siamo sempre state uguali, nel bene e, ahimè, nel male. Quindi parlare a lei col "tu" è praticamente indifferente rispetto al riferirmi a me sola.
Ho buttato un'amicizia decennale, l'ho distrutta, ho offeso tutto ciò che a parole mi era concesso offendere... ma c'è un motivo.
Ho sperato e aspettato per circa due anni e qualche mese affinché fossi finalmente ascoltata... ma quando l'orgoglio e la convinzione che il proprio comportamento sia corretto prendono il sopravvento su di lei, non c'è nulla da fare. Ho parlato chiaramente una volta... non è servito.
Ho lanciato messaggi subliminali per due anni, non è servito.
Sono stata ferita, tradita, ripetutamente presa in giro, offesa, sottovalutata.

Non c'è niente di male nell'amicizia con lui... gli voglio molto bene.
Se questo non significasse perdere il conforto della tua migliore amica, sarei d'accordo.

Non è necessario vedere del marcio in tutto...
Ho negato a me stessa ciò che vedevo, mi sono accecata volontariamente, ma quando poi senti dire certe cose da persone estranee a tutta la situazione, inizi a crearti qualche problema.

Dice mia madre che il male non sta in coloro che il male lo fanno, ma in quelli che ne traggono giovamento. Ma è rimasto con me... e mi ha dato prova della sua fedeltà.

Ho offeso più di quanto avessi mai offeso in vita mia, perchè ho ricevuto molta più sofferenza di quanta ne avessi provata in 24 anni. Da chi mi conosceva di più... e questo fa male.
Che ogni parola spesa per me non facesse altro che colpire le debolezze che lei conosceva, che avevano bagnato le mie guance di lacrime che lei stessa aveva asciugato in troppe occasioni.
Che ogni atto fosse mirato a far notare le mie mancanze, che ogni confessione da parte mia fosse corredata da un suo giudizio negativo, dall'esaltazione dell'ineccepibile comportamento di lui, dalla negazione di qualsiasi mio ruolo positivo nella coppia... dal mio essere essenzialmente indegna, dal suo essere la persona più adatta, perché lo conosceva, era uguale a lui.

Lo chiamò "il suo G."
Qualcosa di me morì in quell'istante, qualsiasi fiducia avessi riposto in 13 anni.
Improvvisamente tutto prese il suo posto in questo puzzle crudele... si era smascherata da sola.

Non è vero... raccontalo a chi chiami "sorella" senza capire cosa voglia dire. Per me non c'è più nessuna sorellanza, non c'è nessun legame che valga la pena salvare.

Ho trascorso mesi insonni nella mia camera in affitto, tra attacchi di panico e pianto, crisi isteriche e labbra morse per non urlare dal dolore alla testa così forte che... tutto è esploso.
Il mio cuore... esiste?

Il tuo silenzio fa male perché non hai neanche voluto negare.
Non ti stai comportando da "signora"... mi stai solo aiutando a comprendere che avevo ragione.
Mi stai dicendo che hai paura, che ho colpito e affondato in ogni frase da me scritta in quella lunga e terribile lettera. Mi dispiace per la mia cattiveria, ma dovresti seriamente farti un esame di coscienza. 

M.


Commenti

Post popolari in questo blog

Di porte aperte non si può morire

***
Catania.
Novembre 2011.

"Ciao, questo è l'ultimo messaggio che ti scrivo. 
Non mi sento di considerare chiusa un'amicizia senza sapere il perché. In effetti, non ci sono stati litigi, né altro. Vorrei solo sapere cosa sia successo e "perché" me lo sia meritato. 
Se ci tieni un minimo a me, penso di meritarmi due parole, siano pure per mandarmi a quel paese. Vorrei solo saperlo. Potrei ripetere mille volte queste frasi, ma che senso avrebbe? 
D'altra parte che ti considerassi un fratello, a te non è interessato. 
Se ti volessi bene o no, se ci tenessi a te o meno... tu lo sai. Pensaci"

***
Milano.
Febbraio 2018.

Scrivo veloce perché il tablet verde acqua potrebbe abbandonarmi da un momento all'altro.
Ho letto l'ultimo post di DoppioGeffer ("Quel filo nero che ci unisce") tutto d'un fiato, alla quarta o quinta riga ero già in lacrime perché avevo capito dove andasse a parare, e non ho potuto che pensare... quanto tempo perdiamo nella …

#1

Il vento batteva forte sulle finestre
i rami degli alberi di ulivo ci accompagnavano con la loro sorda litania il lento tintinnare delle foglie ci accarezzava come te mi sfioravano senza parlare. 
Il dolce sapore di anni mai trascorsi delle rinunce e dei sogni ci pervadeva e calmo  quasi immobile come il buio senza stelle
quella notte in cui fui abbandonata.

Restasti con me
come con me oggi resti
ripercorrendo tutte le occasioni perse
cosciente di non essere stato pronto
e di esserlo fino all'inverosimile.

A tenermi per mano qualunque cosa accada
per quel che può valere mi troverai al solito posto
lì ferma in un angolo ad osservarti
in silenzio ad ascoltare la magia delle tue note
con le lacrime agli occhi, persa tra le tue melodie.

Il mio addio

Anche se questa fosse l’ultima volta che scrivessi di te, di te i miei pensieri sarebbero pieni.
A te che riemergi dalla memoria nei miei più atroci incubi, così felice, così come mai ti ho reso. Mentre l’alba accompagna i miei sfuggenti sonni Turbati, mentre tu accanto a lei riemergi Dalle tenebre coccolato e soddisfatto ogni tuo più dolce Desiderio, mentre queste mie lacrime salate Solcano il mio volto, bruciano come il rimorso Di averti perso, scavano come il rimpianto Che sempre ci accompagnerà, la cattiveria falsa come falso è il mio sarcasmo. Resteranno queste le mie ultime parole Come il tuo ultimo abbraccio Come il nostro ultimo bacio Così lontano e così vicino, come la distanza che ci ha sempre uniti. Resteranno le urla e le lacrime che ieri Mi hanno ancora mostrato la profondità del mio amore E della mia passata ipocrisia. E di come abbia gettato al vento la mia vita E di come abbia gettato al vento i miei sentimenti Per una forza che non ho mai dimostrato di aver…